Header Ads


Interior Designer e Home Stager a Padova: intervistiamo Erica Bassini




Da quando la situazione pandemica ha stravolto le nostre vite, il concetto di casa è letteralmente cambiato inducendoci a viverla in modo differente. Sono mutate le abitudini e da semplice abitazione è diventata il luogo dove trascorrere il tempo, lavorare e perché no fare sport. Pertanto essa dovrà rispecchiare le nostre esigenze, incontrare il nostro gusto estetico e avere quel tocco di originalità. Quindi quale soluzione migliore se non quella di rivolgersi ad un'Interior Designer? 

Questa settimana ci troviamo in Veneto, per incontrare e intervistare la  Erica Bassini, aspirante Interior Designer a Padova


Chi è Erica Bassini?

Erica Bassini è un'Interior Designer. Nella mia vita ho avuto modo di svolgere diversi lavori che mi hanno fatto crescere personalmente e professionalmente. Ora sto trasformando la mia più grande passione dell’Interior Design in lavoro. Grazie al percorso di studi svolto presso l'Accademia Telematica Europea.

Cosa l’ha spinta a seguire la strada dell’interior design?

Fin da piccola sono sempre stata attratta dal mondo dell’architettura e dagli stili di arredo di ogni cultura ed epoca che sanno dare carattere e unicità agli ambienti. Secondo me l’ambiente dove viviamo, come la nostra casa, deve rispecchiare ciò che noi siamo..

Qual è la sua definizione di Interior Designer?

L’Interior Designer è una figura professionale che si occupa della progettazione di spazi interni di ambienti pubblici e privati, con lo scopo di renderli, oltre che piacevoli, accoglienti e funzionali. Inoltre deve avere creatività, gusto e mente aperta. Senza dimenticare che deve continuamente aggiornarsi in modo da poter offrire sempre le soluzioni migliori ai propri clienti.






Si occupa anche di Home Staging: ci spieghi in cosa consiste questo lavoro

L’Home Staging è letteralmente la “messa in scena” di un immobile. Consiste nel riorganizzare un ambiente che si deve vendere o affittare valorizzando il suo potenziale.

La figura dell’home stager quindi quanto è importante per il mercato immobiliare?

La figura dell’Home Stager è molto importante se si vuole vendere o affittare nel minor tempo possibile senza dover svalutare l’immobile. Grazie a questa figura professionale la casa sarà organizzata nella maniera più corretta, passando dalla tinteggiatura delle pareti, all’illuminazione dell’ambiente e ai piccoli dettagli che catturano l’attenzione del futuro acquirente.

Secondo lei è più stimolante la "messa in scena di un’abitazione" oppure la "progettazione di uno spazio abitativo"?

Per me sono stimolanti entrambi perché accendono la creatività e il piacere di rendere qualsiasi ambiente un posto bello ed accogliente.

Alla fine di ogni progetto cosa la emoziona di più?

Quello che mi emoziona di più è vedere il progetto finito e la soddisfazione dei clienti.




Cosa si augura per il futuro?

Per il futuro mi auguro di continuare a lavorare in questo settore e arricchire ogni giorno di più il mio bagaglio professionale.

Ringraziamo Erica per la sua disponibilità e le auguriamo una carriera lavorativa ricca di soddisfazioni. E come diceva Eleanoor Roosvelt "Il futuro appartiene a coloro che credono nella bellezza dei propri sogni".

Intervista realizzata da Anna Venere





Nessun commento